Libreria Condivisa: le esclusioni funzionano davvero?

perplessitàHo una certa riluttanza verso la Rete Display, forse perché c’è talmente tanta scelta nelle possibilità di targeting e posizionamento, che ho sempre il timore che potrebbe esserci un posizionamento migliore rispetto a quello che ho scelto (posizionamenti gestiti) o che mi è capitato (posizionamenti automatici). Se non è il paradosso della scelta questo…

Comunque, fatto sta che ho un account, attivo dal 2012 più o meno, che ormai ha accumulato una discreta (…) quantità di conversioni -transazioni-, solo a settembre erano più di 3.000 e nel 2014, fino ad ora siamo a 30.000 abbondanti.

Credo che Google abbia materiale sufficiente per individuare le caratteristiche dei miei utenti convertiti e per popolare una lista di Similar To che abbia un senso, si insomma, gli errori di campionamento dovrebbero ridursi un bel po’, se non altro per le dimensioni dell’elenco “visitatori che hanno acquistato” . (Il remarketing, e le liste sono state una delle prime cose attivate nell’account). 

extreme-makeoverL’account in questione, pur necessitando di interventi costanti, è ormai piuttosto ottimizzato. Continuare sulla stessa strada porterebbe a qualche miglioramento. Ma io non voglio “qualche miglioramento” voglio la svolta. Extreme Makeover Ross Edition  🙂

Cavalco la mia tigre (che non è una cosa porno, ma un libro illuminante di Giorgio Nardoneconsigliato) e mi butto sulla Rete Display, forte delle mie convinzioni sull’effetto familiarità

Inizio facendo tutto per benino più o meno quello che suggeriva PPC Hero a proposito di ottimizzazione display, ma soprattutto…. creo delle liste di esclusione posizionamenti e uso le esclusioni di categoria. Ricapitolando: cerco di escludere:

esclusioni

  • tutti i posizionamenti app
  • l’elenco principale perché voglio solo nuovi utenti. (nell’elenco principale potrebbero esserci utenti simili a chi ha già acquistato)
  • domini parcheggiati e pagine di errore perché non ne ho mai visto convertire uno.

Tutto a posto? Pronti partenza via. La campagna comincia, nei primi giorni da anche dei buoni risultati in termini di CTR, durata media della visita, tempo sul sito. Poche transazioni “last click” ma uno sbrozzo di interazioni che portano all’acquisto e che cominciano proprio da qui. Controllo i posizionamenti. Ohibò. Qui c’è la sorpresa.

posizionamentiNon avevo escluso adsenseformobileapps.com e tutti i vari c@77i e mazzi delle categorie? E allora perché queste mobileapp::2- (cioè app Android) sfuggono alla mannaia delle esclusioni? Il fatto che sia Android esclude in partenza i possibili problemi legati agli iPad, e oltretutto sono visite da smartphone. Stiamo parlando di 10 visite in tutto. Ma proprio non me lo spiego, e soprattutto non lo accetto. Arrivo a pensare di escludere tutte le app, a mano. Ci sarà pure un elenco di categorie. Infatti c’è. Ma serve solo per le campagne AdMob.

Ri-consulto la guida. Ci deve essere una spiegazione, avrò sbagliato io qualcosa. Per fortuna che non faccio più come all’università che “se una cosa la mettono alla fine del libro vuol dire che non è importante quindi non la studio” e mi balza all’occhio la distinzione tra “escludi il posizionamento” e “rimuovi il posizionamento”

Escludere i posizionamenti è diverso da rimuoverli. Quando escludi i posizionamenti, blocchi la pubblicazione degli annunci in quei posizionamenti. Quando rimuovi i posizionamenti utilizzati per il targeting, l’annuncio potrebbe comunque essere pubblicato in quei posizionamenti in base agli altri metodi di targeting impostati nel gruppo di annunci, ad esempio parole chiave o argomenti

Buono a sapersi. Ma in ogni caso non ho ancora trovato la soluzione al mio problema. Comincio il tour di spaccamento maroni. -Vi assicuro che ho rotto discretamente le palle, a chiunque.- La risposta arriva su Google Plus da un Googler

risposta

Tra le righe mi pare di capire che le esclusioni (parlo dei posizionamenti) da libreria condivisa non funzionino così bene, che probabilmente è un problema della funzionalità, conosciuto da Google. In pratica mi si dice: “fai in un altro modo, solo se l’altro modo non funziona chiama il tuo account manager che farà una segnalazione interna, non sta neanche a chiamarlo solo perché la libreria scazza”. Sarà che io ho la tendenza a interpretare eh, ma io l’ho capita così.

In conclusione

Usa pure le esclusioni di posizionamenti dalla libreria condivisa, ma sii consapevole che lo fai a tuo rischio e pericolo. (Almeno per adesso che siamo all’11 Ottobre 2014)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.