La Quota di Impressioni: Supposta di Saggezza Natalizia

supposta-nataliziaQuante volte è capitato di vedere nella tab parole chiave “al di sotto dell’offerta per la prima pagina” e a fianco, nella colonna “posizione media” un numero da uno a tre? Se è al di sotto dell’offerta per la prima pagina, com’è che il mio annuncio è pubblicato sopra i risultati di ricerca?

Come fa AdWords a calcolare il ranking (posizione di pubblicazione) di un annuncio?

Non la fa lunga: moltiplica l’offerta CPC per il Punteggio di Qualità (per i distratti: da qualche mese  il CTR atteso delle estensioni entra nel calcolo del punteggio di qualità). Più alto è il ranking, migliore sarà la posizione di pubblicazione. 

Sappiamo anche che il punteggio di qualità viene calcolato ogni volta che si realizza un’asta per la parola chiave in questione: in pratica, ogni volta che la parola chiave viene ricercata.

Data questa premessa, è evidente che quando una parola chiave non attiva la pubblicazione di un annuncio le cause possono essere:

  • ho esaurito il budget giornaliero dedicato alla campagna (Impressioni perse per il budget)
  • Il prodotto di CPC e Punteggio di Qualità (Ranking) è troppo basso per “vincere l’asta” (impressioni perse per il ranking)

Da qualche tempo le colonne “quote impressioni” sono state aggiunte anche alla visualizzazione delle parole chiave.

qi-persa

 

 

 

 

 

 

In questo caso, la parola chiave ha un punteggio di qualità di tutto rispetto, ma a causa del ranking perde il 6,43% delle impressioni potenziali. (QI persa per il ranking). E’ evidente che se le impressioni sono perse, la parola chiave non è pubblicata (e quindi non è pubblicata nemmeno in prima pagina).

Ranking = Offerta CPC x Punteggio di Qualità

Quindi, per migliorare il ranking o alziamo l’offerta CPC o interveniamo sul punteggio di qualità. (o meglio, facciamo entrambe le cose).

punteggio-di-qualità

Nel caso della parola chiave d’esempio, controllando il dettaglio del punteggio di qualità abbiamo che:

  • CTR atteso: è già sopra la media (dei miei concorrenti)
  • Pertinenza degli annunci: è “migliorabile”, magari creando un annuncio ad hoc per la parola chiave.
  • Esperienza sulla pagina: niente da biasimare… anzi.

Rimane solo il CPC su cui agire per migliorare il ranking (e quindi per vincere tutte le aste per la parola chiave in questione).

Secondo l’indicazione di AdWords, se portassi l’offerta CPC da 0,17 a 0,20€, probabilmente la parola chiave sarebbe pubblicata stabilmente e non perderebbe quel 6,43% di impressioni a causa del ranking. 

Quindi, tornando alla domanda di partenza: “Perché mi segnala posizione media 2,7 e poi mi dice che l’offerta è sotto l’offerta per la prima pagina?” La risposta è: Perché quando l’annuncio è pubblicato lo è in posizione media 2,7 ma c’è anche un 6,43% di pubblicazioni potenziali che vengono perse perché offerta CPC x Punteggio di qualità dà un numero troppo basso per permettere la pubblicazione in prima pagina.

Ne vale davvero la pena?

Ne vale la pena nella misura in cui la parola chiave è utile, ed è utile se ci porta conversioni “dirette” (cerco la parola chiave, clicco sull’annuncio e converto), sia “indirette”, cioè la parola chiave interviene nelle ricerche “pre-conversione” (es. cerco la parola chiave, clicco sull’annuncio, entro nel sito. Esco, vedo la proposta di altri siti, torno sul mio sito attraverso una parola chiave legata al brand).

4 pensieri su “La Quota di Impressioni: Supposta di Saggezza Natalizia

    1. rosserva Autore articolo

      Grazie Ivan 🙂
      L’obiettivo del fucsia blog è proprio questo: raccontare AdWords in un modo un pò diverso dalle guide ufficiali.

      Rispondi
    1. rosserva Autore articolo

      Grazie Paolo,

      non demordere, AdWords può sembrare complicato, ma con un pò di esperienza e di “studio” niente è impossibile 😉

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.