Come si scrive un annuncio AdWords?

Come si scrive un annuncio AdWords? Ogni tanto me lo domando anche io  🙂

Facciamo un passo indietro.

Non ho idea di cosa siano le bacche di goji, e questa mattina lo volevo scoprire.

Cosa fa uno che vuole sapere (alla svelta) una cosa? La cerca su Google. L’ho fatto anche io, e ho trovato un annuncio geniale. Mille punti stima.

Non so che CTR abbia, nè quanto converte (e se converte). L’ho solo letto e ho pensato “avrei voluto farlo io”.

L’annuncio è questo

bacche-di-goji

Cos’ha di tanto spettacolare?

Guardate il primo risultato organico, quello di salute-e-benessere.org “Bacche di Goji: Chimica benefici e controindicazioni”. Un contenuto evidentemente informativo.

E’ una cosa importante. Google ci sta dicendo che cercando “bacche di goji” la risorsa che risponde alla mia domanda è una risorsa informativa. Non c’è trucco e non c’è inganno. Nessun segreto.

Quello che mi è piaciuto di bacchedigoji.com è avere capito che dall’altra parte del monitor c’è una persona (io, in questo caso) che si sta informando. Mi attira offrendomi l’aspettativa di un contenuto utile, cioè una cosa che dovrei assolutamente sapere sul confezionamento delle bacche di goji.

I prodigidellaterra.it mi dice che il benessere parte dagli alimenti. Probabilmente partirebbe dagli alimenti anche se cliccassi su vegisthenewblack.it (che poi, il new black è il fucsia, non vegis   🙂 ), Vegisthenewblack dal canto suo mi da un’informazione in più: queste bacche di goji devono avere qualcosa a che fare con la frutta, anzi la superfrutta.

Poi arriva il mio nuovo personale mito: bacchedigoji.com. Mi dice che

  • c’è qualcosa di importante da sapere: diamine, tutti gli altri me lo stanno nascondendo?
  • che il packaging di plastica probabilmente è nocivo: sarò io che sono sempre affascinata dalla teoria del complotto… ma la prima cosa che mi viene in mente è che tutti gli altri mi vendano ‘ste cose in confezioni di plastica, boicottando la mia svolta naturale.

Il click mi viene istintivo, spontaneo, non ne posso proprio fare a meno.

Bacchedigoji.com ha catturato il mio interesse e, in modo sottile, mi ha portato a credere che tutti gli altri siano soltanto “chiacchiere e distintivo”.

Ero talmente attratta che sull’annuncio ci ho cliccato davvero.

Entro (questa è la landing page) e la pagina soddisfa l’ “aspettativa” e “rispetta i miei tempi”. Avevo cliccato sull’annuncio perché c’è qualcosa che devo assolutamente sapere sulle bacche di goji e che probabilmente la plastica è il male.

La landing non cerca subito di vendermi le bacche di goji (io mi stavo solo informando, non avevo un intento d’acquisto) ma mi spiega come sceglierne di qualità e mi suggerisce di fare attenzione al confezionamento. Informazioni che vedo subito e che mi spingono a continuare la lettura. Arrivo alla fine  e…. quasi quasi le compro…

Bacchedigoji.com, per me oggi tu hai vinto. Hai il #fucsiapower

3 pensieri su “Come si scrive un annuncio AdWords?

  1. Fabio

    Ciao Ross, sarà, ma personalmente non lo trovo un copy particolamente attrattivo. Credo che la percezione individuale di un annuncio cambi molto da persona a persona, e che alla fine in termini di CTR l’unico modo per ottenere un dato affidabile circa l’efficacia del copy siano gli A/B test. In generale, siamo tutti abbastanza differenti, basta guardare come si vestono le persone: alcune indossano abiti che non mi sognerei mai di portare 🙂

    Rispondi
    1. rosserva Autore articolo

      Ciao Fabio,
      hai ragione: ‘Opinions are like assholes: everybody’s got one’.

      Possiamo a discutere all’infinito sul fatto che l’annuncio sia persuasivo o meno, a dare ragione all’uno o all’altro potrebbero essere soltanto i dati (che in questo caso io non conosco).
      Nel momento della mia ricerca io ero il target: ero una che cercava informazioni sulle bacche di goji, volevo saperne di più su questi alimenti miracolosi.
      Personalmente, e voglio ribadire il ‘personalmente’ trovo quell’annuncio vincente. Vincente perché rompe gli schemi rispetto agli altri. Vincente perché si discosta rispetto gli altri annunci, che poi è la solita questione del paradosso della scelta e del principio del contrasto. Se tutto è uguale, su cosa baso le mie scelte?
      Quell’annuncio secondo me è vincente perché volente o nolente, crea un ‘gancio’ nella mia testa che mi spinge a tutta una serie di elucubrazioni, dettate più dal ragionamento automatico (e come tale fallace) che non da una riflessione razionale.
      Ti ripeto, e leggi bene 🙂 Non so se funziona, mi piacerebbe saperlo ma non lo so. Dovremmo chiedere a loro. Nella mia ignoranza delle performance di quell’annuncio però ti posso dire, che a me ha colpito.

      Rispondi
  2. Fabio

    Ciao Ross, tutto chiaro 🙂
    Beh, poi se inizi con la bacche di goji, quantomeno aggiornaci sugli effetti ed eventuali benefici riscontrati! 😉

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.