AdWords Non è un Paese per Rintronati

Alle scuole serali per adulti analfabeti (corso AdWords) insegnano che il Quality Score è una metrica importante. Anzi no, non è una metrica, è “la metrica”. E’ qui che inizia la sindrome da Punteggio di Qualità. Non che non sia importante, ma come al solito, considerare una metrica in assoluto e non inserirla in un contesto ci porta a essere i manovali del pay per click e non i super-eroi contro le forze del male (e contro la municipale).

Cos’è il Quality Score? Si compra al mercato?

Il Quality Score -punteggio di qualità- è il criterio che usa Google per dirci quanto la nostra inserzione è utile per l’utente (inserzione – parola chiave – pagina di destinazione). Non è che Google sia diventato un ente di beneficenza che premia (solo) chi è più bravo. Google premia chi è più bravo perché l’utente soddisfatto continuerà a usare Google (e non Bing) e perché l’inserzionista soddisfatto dei contatti ricevuti dal sito continuerà a investire. Tanto più la nostra inserzione è utile, tanto meno ci costerà un clic. 

A cosa serve il Quality Score?

Google usa il quality score per determinare dove verrà pubblicato l’annuncio, secondo la formula:

Ranking = Quality Score * CPC

ranking

 

Tutti ne parlano, non posso non dirlo anch’io

L’annuncio è di ieri oltre a Quality Score e CPC, per calcolare il Ranking Google userà anche l’impatto atteso delle estensioni annuncio

Google lancia il sasso e nasconde la mano, o forse ha solo lanciato il sasso e se ne sbatte della mano. Tra le righe si intuisce un probabile aumento dei CPC “Abbiamo dato più importanza alla posizione dell’annuncio come determinante della visualizzazione delle estensioni” quindi…. se vuoi le estensioni devi aumentare il CPC o il punteggio di qualità (meglio entrambi). Un possibile deterrente per gli inserzionisti che tendono a usare le estensioni “ad cazzum canis”. Le vuoi? E allora cacci la grana. Dall’altro lato però è Google stesso a consigliare di aggiungere le estensioni che abbiano senso per il tipo di attività e per gli obiettivi della campagna. Come dire: se dall’una alle tre vai a pranzo e nessuno risponde al telefono, magari pianifica le estensioni di chiamata in modo che non siano pubblicate in quegli orari.

La mia impressione?

Secondo me l’obiettivo è sia quello di far cassa sia quello di promuovere un uso consapevole delle estensioni. Uso consapevole vuol dire “attivo le estensioni che mi servono, e mi servono perché danno risultati utili agli utenti”. 

Estensioni a parte… prima di pensare alle estensioni, al punteggio di qualità, ad avere il braccino corto sul CPC forse è il caso di partire dal nostro utente-cliente e su di lui costruire campagna, pagina di destinazione e campagna.

 

2 pensieri su “AdWords Non è un Paese per Rintronati

  1. Merlinox

    Nella mia AdWords ignoranza ho sempre pensato fosse assurdo che le estensioni fossero gratis, visto l’impatto visivo che rappresentano. Mi sembra piuttosto naturale il passaggio.

    Rispondi
    1. rosserva Autore articolo

      Le estensioni aiutano il CTR. Il CTR influenza il quality score che comunque viene normalizzato sulla base della posizione di pubblicazione dell’annuncio. Molte delle estensioni vengono pubblicate quando sei nelle prime posizioni. Spesso le prime posizioni le guadagni a suon di CPC. Quindi, parere assolutamente personale: le estensioni in realtà le pagavi anche prima anche se non lo sapevi.
      Al di là del problema CPC, con questa modifica Google rafforza il peso del “fare le cose con criterio” e non “ad minchiam” come fanno molti, sia autodidatti che agenzie. Il focus dell’attenzione si deve spostare dal CPC (voglio spendere poco) all’utente: cosa piace all’utente? Cosa gli serve? Fatto questo, magari il CPC crescerà un poco, ma la qualità di quei clic migliorerà e finalmente questo benedetto utente farà qualcosa di utile sul sito rendendo l’aumento del CPC un investimento e non una spesa. Mi auguro che questo cambiamento nella determinazione della posizione degli annunci serva a fare un pò di selezione fra gli inserzionisti più che a far cassa. (Così posso chiedere l’aumento)

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.